Nelle immagini a infrarossi, una messa a fuoco precisa non significa solo ottenere un'immagine nitida. Può fare la differenza tra il riuscire a identificare un problema o lasciarselo sfuggire. Se l'immagine non è messa a fuoco, la misurazione della temperatura non è affidabile. Potrebbe sembrare che non ci siano guasti, quando in effetti stanno per verificarsi dei problemi seri. È molto importante acquisire immagini termiche messe a fuoco, poiché non è possibile regolare la messa a fuoco in un secondo momento, mentre è possibile modificare l'immagine termica.

Una termocamera a infrarossi Ti400 esegue il monitoraggio di un motore

Quando valuti una termocamera a infrarossi, presta particolare attenzione al tipo di messa a fuco e assicurati che sia adatto alle tue applicazioni e al tuo livello di esperienza. Ecco alcune delle più comuni opzioni di sistemi di messa a fuoco:

  • Messa a fuoco fissa: nota anche come point-and-shot. Le termocamere con messa a fuoco fissa tendono ad avere una risoluzione relativamente bassa e vengono utilizzate per punti da ispezionare posti ad almeno 50 centimetri di distanza. È possibile utilizzare questo tipo di messa a fuoco per applicazioni di ricerca guasti rapide, come il controllo di perdite dei condotti d'aria, di cuscinetti surriscaldati o per identificare collegamenti allentati o corrosi.
  • Messa a fuoco manuale: con questo tipo di sistema puoi mettere a fuoco con precisione punti da ispezionare posti ad una distanza di soli 15 cm e acquisire comunque immagini nitide, nonché ottenere risultati più accurati da una distanza maggiore. Se sei un operatore di termografia con più esperienza potresti preferire l'opzione manuale per mettere a fuoco con maggiore precisione ogni immagine, anche se questo sistema richiede più tempo rispetto alla messa a fuoco automatica.
  • Messa a fuoco automatica: scegliere una termocamera con la messa a fuoco automatica può far risparmiare tempo ma, a seconda del tipo di messa a fuoco automatica, potrebbero comunque essere necessarie alcune regolazioni manuali. Spesso in un campo visivo sono presenti più punti da ispezionare e alcuni sistemi di messa a fuoco automatica ne potrebbero scegliere uno diverso da quello che avevi in mente. In tal caso, puoi semplicemente passare alla messa a fuoco manuale e ottimizzare la messa a fuoco per acquisire il punto da ispezionare desiderato.
  • Messa a fuoco automatica con laser: aggiungendo un metro laser al sistema di messa a fuoco puoi puntare l'obiettivo desiderato. Il metro calcola la distanza effettiva dal punto da ispezionare e la visualizza sullo schermo in modo che il sistema possa regolare accuratamente la messa a fuoco producendo un'immagine estremamente precisa.
  • Acquisizione multifocale delle immagini: alcune termocamere acquisiscono e memorizzano più immagini del punto da ispezionare da diverse distanze focali e le combinano automaticamente in una sola immagine nitida utilizzando speciali algoritmi. In questo modo puoi mettere a fuoco punti vicini e lontani in una sola immagine.